domenica 30 dicembre 2007

Costanti di equilibrio: tradizione


Il tema di oggi riguarda un argomento che ho studiato con passione e al quale mi sono dedicato in fase di tesi (e al quale mi dedicherò ancora!!), ovvero il problema dello studio degli equilibri chimici in soluzione acquosa al fine di determinare il valore delle costanti di equilibrio implicate.

Questa branca della Chimica, nota come Equilibrium analysis, sviluppata in senso compiuto negli anni '50-'60 da Lars Gunnar Sillèn e George Biederman della scuola svedese, rappresenta un "momento" estremamente delicato della ricerca chimica, in quanto nessun calcolo stechiometrico può prescindere dalla conoscenza del valore delle costanti di equilibrio che deve quindi essere quanto più accurata e "certa" possibile.

E' necessario quindi prendere tutta una serie di accorgimenti sperimentali mirati a garantire l'assoluta accuratezza dei dati raccolti. Nella mia esperienza pratica, mi sono trovato a lavorare secondo i canoni della cosiddetta "scuola svedese", quali l'utilizzo di appositi bagni termostatici a olio di silicone per garantire la costanza della temperatura, estrema cura e pazienza nella preparazione delle soluzioni di reattivi, alla loro purificazione e alla loro standardizzazione secondo metodi classici estremamente accurati (per esempio i metodi gravimetrici), raccolta manuale dei dati sperimentali (potenziometrici soprattutto), verifica delle condizioni di equilibrio mediante retrotitolazione, estrema attenzione al mezzo ionico e alla costanza dei coefficienti di attività ecc...

Studiando la bibliografia recente "non classica", mi sono trovato di fronte ad un profondo declino di tutte quelle tecniche e procedure accurate messe a punto dai grandi del passato, e quasi ad una denigrazione di quei lavori antichi ma ricchi.

Oggi, spesso nello studio degli equilibri chimici, vengono utilizzate celle a flusso in cui le aggiunte di reattivo titolante e la raccolta dei dati vengono effettuate mediante computer, esperimenti privi della mitica retrotitolazione (che può cancellare in un sol colpo il lavoro di mesi!), assoluta mancanza di attenzione ai coefficienti di attività, estrema fiducia in dati termodinamici calcolati e affetti da grande errore, elaborazioni finali dei dati lasciate in preda al computer arraffando qualunque numero salti fuori.

Non sono contrario ai computer, ma credo innanzitutto che un Chimico vero debba sapersi sporcare le mani, e che debba usare lo strumento elettronico con coscienza, non con fede. Io sono orgoglioso di aver fatto il mio lavoro di tesi triennale (ed ora quello specialistico) secondo gli schemi dei Grandi.

In ultimo mi piace ricordare che i dati ottenuti dai grandi chimici del passato (Sillèn, Biederman, Oesterberg, Bjerrum, Olin ecc..) risiedono ancora incontestati (e secondo me incontestabili) nel pregiato Critical Stability Constants da più di 50 anni, mentre i report IUPAC riportanti i moderni dati ottenuti dai chimici, riportano decine di valori diversi delle costanti per uno stesso equilibrio studiato nelle stesse condizioni, affetti da bande di errore semplicemente mostruose (provare per credere, sono una bestemmia!!!).

Meditate gente.....meditate!


4 commenti:

Cris ha detto...

ti auguro un sereno e felice 2008.augurissimi..........

Filippo Amato ha detto...

Tantissimi auguri anche per te.....buon anno!!

valentina ha detto...

Ciao filippo! Il tuo sì che è un blog scientifico ed interessante anche! Intendo che non c'è solo teoria chimica, ma belle e curiose notizie! Mi ricorda un pò lo stile di qualche rivista scientifica americana, di quelle che catturano l'attenzione del lettore con le recenti scoperte rivisitate/proposte in modo simpatico. Bravo!!! Quando avrò un pò di tempo guarderò i tuoi nuovi post! Come avrai notato il mio blog non è assolutamente ad impronta scientifica...ma tra un pò comincerò anch'io ad inserire post un pò più seri, perchè per ora sembra un diario di una 15enne :P Mi hai dato una buona idea! In bocca al lupo per i tuoi studi
Valentina-x

Filippo Amato ha detto...

Ciao Valentina e benvenuta!
ti ringrazio moltissimo dei bei complimenti; sono felice che i contenuti e lo stile del blog ti siano piaciuti, cercherò di non deluderti.
Grazie ancora!!